IBU Cup Ridanna: nella Sprint i vincitori trionfano per la prima volta 

gjesbakk varabei povarnitsyn bogetveit ibu cup ridnaun ridanna 14 12 2019 250

Ridanna, 14 dicembre 2019 – La seconda giornata dell’evento di biathlon, che ha portato a Ridanna numerosi campioni, ha avuto in programma la Sprint. La vittoria è andata al bielorusso Maksim Varabei e alla svedese Johanna Skottheim. Per entrambi i biatleti si è trattata della prima vittoria nella seconda serie per importanza nel biathlon. L‘IBU Cup a Ridanna si concluderà domenica con le avvincenti Mass Start 60. Anche le due ultime gare saranno trasmesse in diretta streaming in tutto il mondo, un’iniziativa che ha riscosso molto interesse.    

  

Il bielorusso Maksim Varabei ha preso il via alla Sprint con un numero di pettorale molto alto, il 120. Il 24enne di Borisov ha mostrato una formidabile prestazione sugli sci in uno dei tracciati più impegnativi dell‘IBU Cup e anche al tiro non ha fatto alcun errore. Dopo 10 km Varabei ha trionfato al traguardo in 26’19”3 ed è quindi stato 3”7 più veloce del norvegese Fredrik Gjesbakk, che guida la classifica generale dell’IBU-Cup. Due atleti si sono dovuti spartire il terzo gradino del podio, dato che Alexander Povarnitsyn (Russia) e Haavard Gutuboe Bogetveit (Norvegia), che ha mancato un bersaglio, hanno fatto lo stesso tempo. La coppia ha accumulato 5”9 di ritardo su Varabei. “In pista ho dato il massimo e sono caduto esausto al traguardo. Per questo non mi sono proprio accorto di essere in prima posizione. Naturalmente sono molto contento di questa vittoria, decisamente. Se il pettorale alto è stato vantaggioso? No, credo che le condizioni fossero molto buone per tutti”, ha affermato il vincitore Maksim Varabei dopo la premiazione. 

 

La Sprint maschile è stata una sfida ravvicinata: i primi 17 biatleti sono arrivati tutti entro un solo minuto di distacco. Al 17° posto è arrivato il valdostano Thierry Chenal, migliore Azzurro immediatamente davanti Rudy Zini di Livigno. Con Saverio Zini (24°) e Paolo Rodigari (40°) altri due italiani sono andati a punti. L’unico altoatesino in gara, il mattatore locale Patrick Braunhofer di Ridanna, arrivando 51° non ha ricevuto alcun punto per l’IBU Cup. “Al tiro è andata bene, ma sugli sci bisogna migliorare. Nonostante ciò è andata un po’ meglio delle ultime gare”, ha detto Braunhofer. Il miglior atleta del team tedesco è stato Lucas Fratzscher, classificatosi in ottava posizione.

 

 

Prima vittoria per Skottheim

 

Tra le donne, in gara in mattinata su 7,5 km, si è affermata Johanna Skottheim. La 25enne svedese, che ha colpito tutti e dieci i bersagli e ha avuto una prestazione brillante anche in pista, ha vinto in 22’26”6. Per Skottheim questa è stata la prima vittoria singola nell’IBU-Cup. “Questa vittoria è molto significativa per me. Martedì ero ancora ammalata e sono arrivata qui soltanto giovedì. Per questo non sapevo che cosa aspettarmi. Ad ogni modo sono felicissima. Abbiamo un team molto forte. Questo è sicuramente un vantaggio, perché così possiamo spingerci a vicenda”, ha affermato Skottheim al traguardo. 

 

Alla premiazione la svedese è stata affiancata da due biatlete russe. Irina Starykh e Anastasiia Porshneva si sono classificate in seconda e terza posizione. Anche loro due non hanno fatto errori al tiro. Grazie al secondo posto Starykh guida ora la classifica dell’IBU Cup. La migliore biatleta tedesca è stata Maren Hammerschmidt in quinta posizione. Alla 30enne un giro di penalità dopo un bersaglio mancato è costato un possibile podio 

 

 

Lardschneider sedicesima senza errori

 

Il miglior risultato per la nazionale italiana è arrivato dall’altoatesina Irene Lardschneider. La 21enne gardenese non ha fatto errori al tiro, ma ha subito un distacco di 1’16” da Skottheim. “La forma punta chiaramente in alto. Sugli sci non sono ancora al top, ma questo è normale. Sono un’atleta che ha bisogno di un paio di gare affinché tutto funzioni bene”, ha spiegato Lardschneider. La seconda gardenese del team, Alexia Runggaldier, dopo tre giri di penalità si è dovuta accontentare del 42° posto. Tra le due si è piazzata Michela Carrara (26a), mentre Eleonora Fauner ha concluso in 70a posizione. 

 

L‘IBU Cup a Ridanna si concluderà domenica con la Mass Start 60. La gara femminile inizierà alle ore 10, mentre quella maschile alle 12.30. Anche le gare conclusive saranno trasmesse in diretta streaming in tutto il mondo (https://rai.biathlon.fans).

 

 

 

Risultati IBU Cup Ridanna, Sprint maschile (sabato 14 dicembre 2019)

1. Maksim Varabei BLR 26‘19”3/0 errori al tiro=giri di penalità

2. Fredrik Gjesbakk NOR +3”7/0

3. Alexander Povarnitsyn RUS +5”9/0

3. Haavard Gutuboe Bogetveit NOR +5”9/1

5. Sergii Semenov UKR +15”1/0

 

Risultati IBU Cup Ridanna, Sprint femminile (sabato 14 dicembre 2019)

1. Johanna Skottheim SWE 22’26”6/0 errori al tiro=giri di penalità

2. Irina Starykh RUS +5”4/0

3. Anastasiia Porshneva RUS +13”5/0

4. Olga Abramova UKR +15”5/0

5. Maren Hammerschmidt GER +31”3/1 

ASV Ridanna • I-39040 Ridanna (Alto Adige) • Tel: +39 349 0062066 • Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. • P.IVA: 01417330212 • Editorial Privacy © geiger-webdesign.com

Utilizziamo i cookie per assicurarVi una migliore esperienza sul nostro sito. Utilizziamo inoltre anche cookie di parti terze per inviarVi messaggi promozionali personalizzati. Se prosegue nella navigazione di questo sito acconsente automaticamente all’utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione clicca qui.